Articoli

Faro il fungo Pirolitico di Paterno, per il riscaldamento esterno

FARO DI PATERNO COSTRUTTORI STUFE

Quello che non esisteva adesso c’è…

Faro di Paterno costruttori di Stufe, non è un semplice riscaldatore pirolitico a pellet ma è il risultato finale di una ostica sfida divenuta realtà.
La combustione/gassificazione perfetta, ottenuta dopo lunghi e accurati studi di laboratorio, si è coronata con un brevetto industriale sulla tecnologia di funzionamento (POB System) e con la grande soddisfazione di proporre al mercato un prodotto nuovo, ecologico, economico, innovativo e unico nel suo genere.
Elenchiamo i principali Plus del riscaldatore pirolitico Faro di Paterno Costruttori Stufe

· Linea estetica di design bella, ricercata, moderna e accattivante.
· Cristallo ceramico panoramico vista fuoco, il diametro da 200 mm non limita la bellezza della fiamma in completa sicurezza.
· Basamento con piedini regolabile, corredato da un dispositivo di controllo per la perpendicolarità di utilizzo.
· Funzionamento a tecnologia pirolitica, processo chimico che permette di trasformare qualsiasi biomassa legnosa in Gas con basse emissioni.

· Controllo della combustione/gassificazione tramite centralina elettronica, POB System perfeziona il processo di pirolisi rendendolo stabile, sicuro, ecologico e privo di fumo dall’accensione allo spegnimento.
· Braciere in acciaio inox con particolare conformazione aerodinamica e geometrica POB System.
· Gestione di funzionamento automatica completa di (Ciclo Intero - Mezzo Ciclo) con avvio tramite chiave magnetica.
· Alta efficienza e rendimento, il calore viene trasmesso per convezione e irraggiamento.
· Luci Led estetiche e indicatori di processo pirolitico con variazione di colore, avviso lampeggiante per la ricarica della batteria.
· Combustibile economico e ecologico (pellet) senza pericolosità (Autorizzazioni V.d.F.), può essere utilizzato in città, nei centri storici, sotto i portici, nelle fiere ecc ecc… (Non è soggetto a normative UNI per il GPL)
· Costo di gestione minimo 0,30 € / ora per 7,0 kW di potenza (1/5 rispetto al GPL e all’energia Elettrica) praticamente si ammortizza in una mezza stagione di utilizzo.
· Attualmente è normato e autorizzato uso out door ma è in approvazione anche il dispositivo in door funzionante a bioetanolo e con potenza ridotta 4,00 KW.

Oltre all’impiego “privato” si utilizza negli Hotel, Bar, Ristoranti, Agriturismo, Fiere, Circolo Sportivi (Golf - Piscina - Tennis - Maneggi …) praticamente tutte le tipologie di attività che utilizzano un’area esterna da sfruttare nel periodo autunnale e invernale.

Faro il fungo Pirolitico Targato Paterno

TECNOLOGIA - La Pirolisi

Il processo chimico alla base del funzionamento dei nostri prodotti è la Pirolisi, una decomposizione termochimica di grandi molecole tramite il loro riscaldamento e in assenza di ossigeno.
La Pirolisi è ampiamente utilizzata in ambito industriale per lo smaltimento dei rifiuti, il processo di applicazione è complesso e non sempre conveniente poiché necessita di grande energia esterna per funzionare e deve essere eseguito all’interno di contenitori stagni.
Applicata alle biomasse, la pirolisi permette di scindere il materiale in due principali componenti: syngas (o gas di sintesi che è un ottimo combustibile) e un residuo solido carbonioso comunemente noto come char.

Faro il fungo Pirolitico

TECNOLOGIA POB - Micro-gassificazione

Il sistema POB trasforma la biomassa con un processo di decomposizione termochimica autotermica denominato “micro-gassificazione” utilizzando il syngas risultante per ottenere l’energia necessaria a sostenere il processo stesso.
Il processo di micro-gassificazione si articola in due fasi distinte e consecutive:
1 _ La Pirolisi: La biomassa viene trasformata in syngas e in char. Il syngas prodotto alimenta la fiamma mentre il char diventa un reagente per la fase successiva.
2 _ La Gassificazione: Il char prodotto dalla prima fase viene a sua volta trasformato in gas, che alimenta l’ultima fase a caratteristica “fiamma blu”.
L’unico residuo solido dell’intero processo è un’esigua quantità di cenere (inferiore all’ 1% del volume iniziale).
Il sistema pirolitico POB è una tecnologia brevettata che perfeziona il processo di micro-gassificazione rendendola priva di fumo (anche in fase di accensione e spegnimento), stabile e sicura nel funzionamento, semplice da utilizzare ma soprattutto estremamente ecologica ed economica.

Faro il fungo Pirolitico

TECNOLOGIA POB - Specifiche 
Il processo di micro-gassificazione non necessita di fonti di energia esterne.

In alcuni casi è semplicemente implementata una piccola ventola a basso consumo per assistere la ventilazione del sistema.
La tecnologia brevettata POB è costituita da uno studio sulla forma aerodinamica e costruzione geometrica della camera di combustione unita ad un sistema elettronico per il controllo, la gestione e la modulazione della fiamma.
Grazie alla tecnologia POB è possibile bruciare i gas prodotti dal processo di micro-gassificazione in condizioni di combustione ottimale massimizzando in tal modo l’efficienza e riducendo al minimo l’emissione di incombusti.
I dispositivi utilizzanti la tecnologia POB, a differenza dei sistemi attualmente conosciuti, garantiscono un processo di micro gassificazione costante per la stabilità della fiamma e del calore, la completa eliminazione di fumo dall’accensione allo spegnimento e un’estrema facilità nell’utilizzo e nella gestione di funzionamento da parte del consumatore.

Faro il fungo Pirolitico

01 _ Caricare il pellet nel serbatoio
02 _ Irrorare il pellet con il combustibile vegetale consigliato
03 _ Utilizzare la maniglia in dotazione
04 _ Inserire il serbatoio nell’apposito scomparto
05 _ Avviare la fiamma mediante un accendino
06 _ Chiudere la fessura per l’accensione
07 _ Attivazione tramite chiave magnetica
08 _ Autonomia: 6 ore con 7kg di pellet

Pellet, metano, gasolio e gpl a confronto

Riscaldarsi con il pellet permette di risparmiare sul riscaldamento: fino a oltre 1.000 € all’anno. Inoltre, incentivi come il Conto Termico finanziano l’acquisto di stufe e caldaie moderne. È però fondamentale scegliere e usare correttamente il pellet per potere ridurre i costi e, insieme, l’inquinamento. Fai subito un preventivo!

Rispetto ad altre fonti energetiche di calore (a metano, gasolio, gpl), utilizzare stufe e caldaie a pellet per riscaldare casa è particolarmente vantaggioso in termini economici, permettendoti di risparmiare sul riscaldamento. I vantaggi sono, inoltre, anche ambientali. Scegliere pellet di qualità (consigliamo certificato ENplus, per essere certi della scelta) e usarlo correttamente significa infatti:
☛ emettere fino a 10 volte meno CO2 rispetto alle fonti fossili tradizionali, causa dei cambiamenti climatici;
☛ ridurre le emissioni di polveri sottili fino a 4 volte rispetto a quelle emesse da generatori alimentati da pellet non certificato.

RISPARMIARE SUL RISCALDAMENTO: QUANTO, COME?
Ecco un esempio concreto per capire meglio la riduzione dei costi in bolletta per chi utilizza il pellet. Ipotizziamo intanto di dovere riscaldare una casa di 100 m²: nell’arco di un anno servono circa 12 MWh di energia. A seconda del combustibile scelto, il costo unitario di questa energia cambia, anche considerevolmente. Secondo le rilevazioni sui prezzi dei biocombustibili legnosi il costo unitario del pellet è pari a circa 65,00 euro per 1 MWh. Cifra decisamente diversa dai 244,00 euro per 1 MWh del gpl, per esempio.

Ancora più economico sarebbe il costo della legna da ardere, ma a questo dedicheremo a breve un altro approfondimento.
A questo punto va fatta una precisazione: il pellet per il riscaldamento domestico può alimentare sia caldaie che stufe, con alcune differenze. Tra queste, la principale è con la caldaia a pellet puoi riscaldare un’intera abitazione o persino condominio; la stufa, invece, riscalda una o più stanze della casa, andando quindi a integrare un impianto di riscaldamento esistente (a metano, gasolio o gpl).

QUANTO RISPARMI CON LA CALDAIA A PELLET?
Ritornando all’esempio della casa di 100 m², se scegli di riscaldarla con una caldaia a pellet certificato ENplus, il costo per l’acquisto del biocombustibile rinnovabile è di 780 € per tutto l’inverno! Ciò consente un risparmio del 13% rispetto al metano, del 51% rispetto al gasolio, del 72% rispetto al gpl.

QUANTO RISPARMI CON LA STUFA A PELLET?
Se scegli, invece, di riscaldarti con una stufa a pellet, e supponendo che la stufa contribuisca per il 50% al riscaldamento dell’abitazione (sempre ipotizzando 100m2 di dimensione), il costo per l’acquisto del biocombustibile legnoso diventa di 390,00 euro all’anno. Valore che va a sommarsi al costo del combustibile necessario per l’alimentazione della caldaia: 450,00 euro nel caso del metano, 792,00 euro nel caso del gasolio e 1.398,00 euro nel caso del gpl (vedi tabella).

Quindi integrare al 50% una stufa a pellet all’impianto di riscaldamento esistente a fonte fossile permette un risparmio del 6% sul riscaldamento totalmente a metano, del 25% sul riscaldamento totalmente a gasolio e del 36% sul riscaldamento totalmente a gpl.

Nella figura – costi riscaldamento per 100 m² di una stufa a pellet che integra metano, gasolio, gpl

GLI INCENTIVI PER ACQUISTARE UNA STUFA O CALDAIA A PELLET
Risparmiare sul riscaldamento grazie al pellet non significa solo ridurre i costi della bolletta energetica, ma anche accedere alle agevolazioni per l’acquisto di una stufa alimentata con questo biocombustibile:
☛ le detrazioni fiscali
☛ il Conto Termico 2.0

Il Conto Termico è un incentivo statale che promuove gli interventi finalizzati all’incremento dell’efficienza energetica e alla produzione di energia termica da fonti rinnovabili. In particolare per quanto riguarda il settore delle biomasse legnose incentiva la sostituzione di generatori alimentati a gasolio, olio combustibile, carbone o biomassa, con moderni generatori a biomassa legnosa (tra cui anche le stufe a pellet) prevedendo una maggiorazione dell’incentivo quanto migliori sono le performance emissive del nuovo generatore.

Può arrivare a coprire fino al 65% dell’investimento necessario a sostituire una stufa obsoleta con una tecnologica e di moderna concezione e viene erogato tramite bonifico bancario.
In questo articolo abbiamo spiegato Come calcolare il tuo incentivo Conto Termico.

PELLET: COME (E PERCHÈ) RICONOSCERE LA QUALITÀ
Riscaldandoti con pellet di qualità:
☛ preservi la qualità aria (riducendo le emissioni di polveri sottili fino a 4 volte rispetto alle stufe o caldaie che usano pellet non certificato; e fino a 10 volte le emissioni di CO2 rispetto alle fonti fossili tradizionali);
☛ riduci l’usura della tua tufa/caldaia (alimentandola correttamente).

Quando arriva il momento di acquistare il pellet è dunque importante che tu sappia riconoscere un prodotto di qualità. Non essendoci differenze facilmente riconoscibili “a occhio”, la differenza la fa il marchio di qualità ENplus riconosciuta a livello globale.

ENplus è la certificazione internazionale del pellet a garanzia che il prodotto sia controllato lungo tutta la filiera, dalla materia prima alla consegna, e che sia qualitativamente uguale (dal punto di vista chimico, fisico ed energetico) a prescindere dal Paese di provenienza.
La certificazione ENplus prevede una classificazione di classi di qualità: A1 (la migliore), A2 e B.

 

 

Certificazione Aria PulitaPer ottimizzare sia il risparmio economico che, soprattutto, l’efficienza energetica in termini di meno emissioni e più rendimento termico, la tua stufa, caldaia o camino alimentato a pellet dovrebbe ugualmente essere di qualità certificata. La certificazione che ti dà questa garanzia si chiama Certificazione Aria Pulita. Se invece al pellet preferisci riscaldarti con la legna, tieniti aggiornato con il nostro blog o chiedici direttamente informazioni.

 

Note
Prezzi aggiornati a marzo 2017. Prezzi petroliferi: media aritmetica dei prezzi pubblicati dalle CCIAA di Alessandria, Bari, Brescia, Firenze, Foggia, Milano, Perugia, Treviso, Varese e Verona. Metano: Prezzi pubblicati dall’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico. Pellet: media ponderata dei prezzi comunicati dai produttori/distributori italiani di pellet certificato ENplus A1/A2. Legna e Cippato: media ponderata dei prezzi comunicati dai produttori italiani di legna e cippato conformi
alla norma ISO 17225-1.

Perizie su immobili

Perizie su immobili – Una perizia energetica ha come scopo quello di analizzare in modo del tutto imparziale le possibili problematiche dovute ad un’errata progettazione e/o realizzazione di un sistema edificio-impianti, di quantificare le conseguenti difformità rispetto a quanto desiderato (o promesso in fase di compravendita), di stimarne i relativi danni economici e di proporre delle soluzioni di correzione e/o riqualificazione, laddove possibile. Fai un preventivo!

RICHIEDI UN SERVIZIO

 

Codice di verifica

Realizzazione forni a legna e BBQ

Realizzazione forni a legna e BBQ – Grazie alle sue maestranze BioClima di Granza Marco è specializzata nella realizzazione di forni a legna e BBQ per pizzerie, ristoranti e privati. In base alle esigenze del cliente, siamo in grado di realizzare strutture e opere per pizzerie, locali che per privati, come per esempio il classico modello “a cupola”, un forno di tipo professionale, caratterizzato da una struttura interna composta da mattoni refrattari certificati estremamente compatti (di uno spessore di 120 mm circa) assemblati con malta refrattaria composta.La costruzione del Vostro forno a legna sarà eseguita direttamente dai titolari della ditta. I forni realizzati sono sempre costruiti su misura e direttamente sul posto e sono sempre costruiti in modo artigianale, pertanto durano nel tempo.
Sopralluoghi, consulenze e preventivi gratuiti.

RICHIEDI UN SERVIZIO

 

Codice di verifica

Impianti di riscaldamento a pavimento

Impianti di riscaldamento a pavimento – Gli impianti di riscaldamento e/o raffrescamento a pavimento, garantiscono un elevato livello di comfort con un notevole risparmio energetico. Gli elementi radianti, costituiti da tubi in materiale resistente alle alte temperature ed al calpestio, vengono inseriti sotto il pavimento. L’impianto risulta così invisibile, a tutto vantaggio dell’estetica e consentendo un miglior sfruttamento degli spazi. La trasmissione del calore avviene principalmente per irraggiamento e non per convezione (come nel caso dei termosifoni). In questo modo si evitano fastidiosi spostamenti d’aria e di polveri e il calore viene diffuso in modo più uniforme. Quanto costa l’impianto con pannelli radianti per riscaldamento a pavimento? Contattaci subito per un preventivo e/o un sopralluogo gratuito!

RICHIEDI UN SERVIZIO

 

Codice di verifica

Progettazione impianti termici

Progettazione impianti termici – La progettazione dell’impianto richiede la determinazione del fabbisogno termico dell’edificio anche in conformità alla legge 10/91 e successive modifiche ed aggiornamenti: la potenza termica fornita deve essere equivalente alle dispersioni nominali di calore per ciascun ambiente. Il nostro team di esperti sarà a tua completa disposizione per garantirti il risultato ottimale. Contattaci subito!

RICHIEDI UN SERVIZIO

 

Codice di verifica

Fornitura e posa canne fumarie, caminetti e stufe

Fornitura e posa canne fumarie, caminetti e stufe – Per chi ha necessita di risparmiare sul riscaldamento, BioClima di Marco Granza è un’azienda specializzata in installazione fornitura e posa  d

RICHIEDI UN SERVIZIO

 

Codice di verifica


DM 23 giugno 2016 – Chiusura Portale FER-E per la presentazione delle domande di Accesso Diretto ai sensi del DM 6 luglio 2012

DM 23 giugno 2016 – Chiusura Portale FER-E per la presentazione delle domande di Accesso Diretto ai sensi del DM 6 luglio 2012
Il GSE ricorda agli operatori che oggi 29 luglio 2016 scade il termine per la presentazione delle domande di accesso diretto agli incentivi ai sensi del DM 6 luglio 2012 per gli impianti entrati in esercizio dal 31 maggio 2016 al 29 giugno 2016.
Le domande dovranno pertanto essere trasmesse, esclusivamente tramite l’apposito portale informatico https://applicazioni.gse.it, improrogabilmente entro le ore 23.59 di oggi, termine oltre il quale non sarà più possibile generare nuove richieste e sarà disabilitata la funzionalità di invio anche per le pratiche nello stato “in lavorazione”. (Fonte)

Incentivi Conto Termico 2.0

Il nuovo Conto Termico, in vigore dal 31 maggio 2016, potenzia il regime di sostegno introdotto dal decreto legislativo 28/12/2012, per l’incentivazione di interventi di piccole dimensioni per l’incremento dell’efficienza energetica e per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili.
Il nuovo Conto Termico prevede un ampliamento delle modalità di accesso e dei soggetti ammessi , oltre ad aver snellito la procedura di accesso diretto per gli apparecchi a catalogo.
I beneficiari sono Pubbliche Amministrazioni, imprese e privati, che potranno accedere a fondi per 900 milioni di euro annui.
Con il Conto Termico 2.0 è possibile riqualificare i propri edifici per migliorarne le prestazioni energetiche, riducendo i costi dei consumi e recuperando in tempi brevi parte della spesa sostenuta. Tra gli interventi incentivabili vi sono anche la sostituzione o, in alcuni casi, la nuova installazione di impianti alimentati a fonti rinnovabili (tra i quali caldaie, stufe e camini pellet).

Per calcolare l’ammontare dell’incentivo erogato con il conto termico GSE possiamo rifarci a semplici equazioni matematiche.
La cifra erogata dall’incentivo del conto termico dipende dalla potenza del nuovo apparecchio, dal suo rendimento, dalla quantità di emissioni rilasciate in atmosfera e dalla fascia climatica in cui viene installato. La formula matematica per calcolare il conto termico mette in relazione tutti questi dati. Conto termico, formula per il calcolo dell’incentivo per stufe e termocamini:

Incentivo conto termico = 3,35 x ln(Pn) x hr x Ci x Ce

Non vi spaventate! Sono tutte costanti da sostituire con numeri noti.
Pn corrisponde alla potenza nominale della stufa o del termocamino che avete acquistato.
Hr corrisponde alla vostra zona climatica
Ci è il valore dell’incentivo espresso in €/kWh
Ce è il coefficiente premiante riferito alle emissioni di particolato primario.E’ proprio il Ce (coefficiente premiante) a incrementare il valore dell’incentivo del conto termico del 20 o del 50%.
Ci = 0,040 €/kW
Il valore Ci per calcolare l’incentivo Conto termico per l’acquisto di stufe a legna, termocamini o stufe a pellet con potenza termica nominale inferiore o uguale a 35 kW è di 0,040 €/kW.

“Ce” per stufe a pellet e termocamini a pellet
Il valore Ce per il calcolo del conto termico per l’acquisto di stufe a pellet e termocamini varia in base al livello di emissioni. Verificate le emissioni dell’apparecchio che intendete acquistare e se queste sono:
– 20 < Emissioni ≤ 30 -> il Ce equivale a 1
– 15 < Emissioni ≤ 20 -> il Ce equivale a 1,2
– Emissioni ≤ 15 -> il Ce equivale a 1,5
Questi valori sono indicati nel DM 14/01/16.

“Ce” per stufe a legna e termocamini a legna
Per le stufe e termocamini a legna la stima del Ce fa riferimento a questi valori:
-emissioni comprese tra 60 e 80, il Ce equivale a 1
-emissioni comprese tra 40 e 60, il Ce equivale a 1,2
-emissioni inferiori a 40, il Ce equivale a 1,5
Hr e zona climatica: in base alla zona (cerca la tua città a questo link), il valore Hr equivale a:
-Zona climatica A = 600
-Zona climatica B = 850
-Zona climatica C = 1100
-Zona climatica D = 1400
-Zona climatica E = 1700
-Zona climatica F = 1800

Esempio pratico di calcolo dell’incentivo del conto termico
Incentivo conto termico = 3,35 x ln(Pn) x hr x Ci x Ce
Si sostituiscono tutte le variabili prendendo in esempio l’acquisto di una stufa a pellet da 12 KW e dalle emissioni inferiori a 20 mg (Ce = 1,2) , nel comune di Bergamo Si calcola:
3,35 x ln (12) x 1700 x 0,04 x 1,5 = 849 € x 2 anni = 1.698 euro di incentivo
Il logaritmo di 12 è 2,48; “ln” è il classico logaritmo, vi basterà schiacciare questo pulsante sulla calcolatrice al momento del calcolo dell’incentivo del conto termico.

Hai qualche dubbio? Per maggiori informazioni sul Conto Termico e su come fare domanda, è possibile consultare i nostri esperti, contattaci attraverso il sito o telefonicamente saremo lieti di darti una mano.

Camini e stufe Catania

Camini e stufe Catania

Bioclima Pedara di Granza Marco

Pedara CT

Camini e stufe catania, termocamini catania, impiantistica – BioClima è un azienda operante nel settore del riscaldamento per ambienti interni ed esterni.
Specializzata nei prodotti a biomassa (camini, stufe, barbecue, caldaie, caminetti), nei prodotti per la produzione di energia alternativa (pannelli solari) e nella climatizzazione. L’azienda presenta tutti i suoi servizi all’utenza della Sicilia meridionale, con particolare attenzione alla città di Catania e la sua provincia.
Nel proprio show room potrete scegliere, accompagnati dalla consulenza di personale qualificato, tra un’ampia gamma di prodotti che più si adattano a soddisfare le vostre esigenze.
I nostri camini e stufe possono vantare di aver trovato un connubio tra il design (elegante ed accattivante); e la possibilità di poter riscaldare la propria casa con un calore unico ed avvolgente.
I nostri ideali d’azienda sono rivolti con particolare attenzione e sensibilità alla salvaguardia ambientale, focalizzandosi su prodotti che utilizzano i bio combustibili come il pellet, la legna, il nocciolino, la sanza ecc.
Inoltre siamo a vostra completa disposizione per la verifica della classificazione energetica sui vostri immobili ed eventuali migliorie apportabili.
Infine, effettuiamo sanificazioni di cisterne interrate ad uso alimentare.
Cortesia e disponibilità sono prerogative sulle quali potete contare per realizzare con serenità le vostre idee.
Visitando il nostro sito Web potrete accedere al nostro catalogo fotografico ed essere costantemente aggiornati sulle nostre promozioni.
Inoltre, i nostri tecnici saranno a vostra disposizione per sopralluoghi e preventivi gratuiti, realizzazioni su misura e progettazione.